lunedì 29 novembre 2010

Primo post (gioite, genti!)

Pubblicato da Kat in Wien
Bene. Dopo lunghe elucubrazioni, riflessioni e ripensamenti vari, mi sono finalmente decisa ad inaugurare il mio blog. Dato che, diciamocelo, vivere all'estero e avere un blog ultimamente fa figo. E io, un po' di tempo ce l'ho, per condividere le mie mirabolanti avventure in questa città germanica, ma un po' slava, turca, mediorientale,e pure un po' italiana; nordica, ma anche un po' meridionale, dove tutto pare funzionare (pare, appunto! Ma non cerchiamo il pelo nell'uovo, suvvia!).
E' uno dei vantaggi del lavorare in autonomia, di esser capi di se stessi (ah ah ah... e doppiamente schiavi degli altri, però!). Un ritaglio di tempo, qui e lì, lo si trova.
Oppure lo si ruba al lavoro, tra una scadenza da rispettare e 15 minuti di facebook e i due video assolutamente imperdibili di youtube, magari ci scappa pure un post. Staremo a vedere quanto il mio lato autocelebrante riuscirà ad imporsi sul lato procrastinante.
Sono le nove di sera, le patate sono in pentola, tra un po' ci schiafferò sopra un uovo ad occhio di bue, giusto perché io posso, e perché non ho voglia di spadellare. Ed è un vantaggio del vivere da soli, il mangiare quello che si vuole e quando si vuole (chiaramente, degli svantaggi del vivere in solitudine parleremo in un'altra occasione). Sono appena scesa dopo essere stata convocata urgentemente dalla vicina del piano di sopra, la croata, alla quale si è impallato per l'ennesima volta il computer. Chissà che robaccia avrà scaricato stavolta. Mentre smanettavo fingendo di sapere cosa stavo facendo (ma oh, alla fine ho risolto il problema, attenzione!), mi ha servito circa un litro e mezzo di the allo zenzero che fa tanto bene allo stomaco, alla circolazione e alla vescica, preparato nel seguente modo: 1 cm e mezzo di radice di zenzero grattugiata grossolanamente fatta bollire in 2 litri d'acqua. Lascia riposare qualche minuto e preparati alla cascata bollente e piccante che si impadronirà prepotente del tuo esofago togliendoti il fiato (e la vista, date le lacrime!). Ottimo. Quanta pipì farò stanotte? Si accettano scommesse.
Toh. Su raiuno stanno dando Sissi, nella nuova versione italo-austriaca. Mein gott, mi sembra veramente appropriato, per inaugurare il mio diario viennese. E queste chicche, per concludere, fanno parte dei vantaggi del prendere raiuno come unica rete italiana all'estero. Son soddisfazioni, sono. Cristiana Capotondi è carina, però. Il tizio che fa Franz Joseph, invece, sembra un po' un bambino cresciuto troppo in fretta. Con una faccia un po' cavallina. Un incrocio tra Macaulay Culkin e un cavallo lipizzano, ecco. Non c'è paragone con la bellissima Sissi con Romy Schneider che mia mamma mi costringeva a vedere ad ogni festa comandata.
Nel frattempo, sono riuscita a bruciare le patate. Pommes de terre au carbon, che, condite con l'uovo strapazzato, sono una vera delizia.

2 commenti:

Zion on 4 dicembre 2010 08:13 ha detto...

ciao! benvenuta nel mondo dei blogger :-)

Kat in Wien on 5 dicembre 2010 11:59 ha detto...

Grazie!

Posta un commento

 

Kat in Vienna Copyright © 2010 Design by Ipietoon Blogger Template Graphic from Enakei